Descrizione: ombretti glitterati compatti in polvere, in 15 colorazioni
Quantità: non pervenuto (???)
Dimensione: altezza 1,5 cm, diametro 4,5 cm
Dove si acquista: online sul sito myface.cosmetics
Prezzo: 12,99£ + spese di spedizione
PAO: 36 mesi

Prima impressione

Non valgono i soldi che costano. 13 sterline più 7,50 di spedizione internazionale sono veramente un’esagerazione per dei glitter pressati.

Non fraintendetemi, questi ombretti sono famosi perché danno un effetto bagnato pur essendo in polvere, e in effetti lo fanno ed è divertente usarli, ma 25€ per questo scherzetto sono troppi, soprattutto se si ha mai avuto a che fare con pigmenti minerali a basso costo.

Per di più il colore è quasi inesistente, quindi l’effetto è veramente dato solo dai brillantini.

Inci: Calcium Sodium Borosilicate, Talc, Diisostearyl Malate, Caprylic/Capric Triglyceride, Mica, Hydrogenated Castor Oil Hydroxystearate, Soybean Glycerides, 1,2-Hexanediol, Caprylyl Glycol, Butyrospermum Parkii Butter Unsaponifiables, Tin Oxide, Chlorphenesin, Silica, Potassium Sorbate, Tetrasodium EDTA, Ascorbyl Palmitate. May contain: CI 77891, CI 77491, CI 77492, CI 77499, CI 77007, CI 77742, CI 77510, CI 75470, CI 77288, CI 77289, CI 19140, CI 42090, CI 77000.

Recensione d’uso

Non lo nego, questi ombretti sono divertenti. Molti/e di voi li conosceranno perché Clio ne ha parlato in un suo video, con grande entusiasmo.

Ammetto di aver fatto la corsa all’acquisto compulsivo dopo quella recensione.

Ma se avessi evitato non sarebbe stata una perdita gravissima.

blingtone eyeshadow pink champagne

 

Non dico che non siano carini, per carità. Sono perfetti per le persone cui piace lo sbrilluccichìo e in effetti si possono aggiungere a un trucco stupido per farlo diventare particolare.

Danno un effetto bagnato molto carino (che purtroppo però in foto si vede molto poco) e sono facili e comodi da usare, essendo compatti.

Tuttavia, siamo sicuri/e che non sia possibile farne a meno? Secondo me sì.

Basta prendere un qualsiasi altro glitter molto fino, in polvere o compatto, e secondo me si ottiene un effetto simile.

Tanto più che la pigmentazione è quasi inesistente, nonostante nella cialda non sembrerebbe, quindi basta veramente prendere solo dei glitter di colori neutri per sopperire all’acquisto.

Pink champagne

In sostanza se proprio volete acquistarne, perché in effetti sono divertenti, perché li volete nella vostra collezione, perché siete amanti dei brillini, perché impazzite per l’effetto bagnato veloce (tutte motivazioni assolutamente legittime, sia chiaro) vi consiglio di lasciar perdere i colori più scuri e buttarvi su quelli più chiari.

Io per me ho preso il colore pink champagne, che probabilmente è il più versatile insieme al bianco.

blingtone eyeshadow pink champagne

 

Altre cose da sapere

Come tutti i glitter tendono a svolazzare in giro per il viso e per le mani e per i vestiti; è possibile usare la cialdina praticamente solo con le mani, ma fa patina in superficie piuttosto velocemente; la durata è buona; non ci è dato sapere la quantità di prodotto contenuta in ogni cialdina perché non è scritta da nessuna parte (cosa che io trovo del tutto assurda).

blingtone eyeshadow pink champagne

 

Modo d’uso

Il migliore è usando le dita, perché i glitter tendono a non farsi acchiappare dalle setole dei pennelli. I

o di solito li prendo col dito e poi li passo sopra il trucco già fatto, o se voglio un effetto molto leggero addirittura solo una passata a palpebra nuda.

VOTO: 7

__________________________________________________________________

Descrizione dal sito myface.cosmetics (mia libera traduzione)

“Create un look dal finish intenso simile ad una lamina metallica o un trucco frosty glamour. La formula rivoluzionaria con perle frantumate e pigmento non cadrà in giro e non si disferà una volta applicata. In più, ogni tonalità è pensata per abbinarsi ad uno dei piccoli smalti bling chrome, per ottenere un look coordinato ultra-moderno.”

E per quanto riguarda il colore pink champagne: “I suoi occhi brillavano con la leggera effervescenza del pink champagne, un colore che si abbinava alla sua personalità: dolce, frizzante e assolutamente inebriante. Ma lei amava ancor di più il colore perché rappresentava tutto il romanticismo delle storie d’amore classiche. Così come lo champagne rosato con cui Deborah Kerr e Cary Grant brindavano nel film Un amore splendido, questo rosa delicato e ‘ghiacciato’ è sia senza tempo che moderno.

(Il mio commento a quest’ultima descrizione è that’s a bloody bunch of crap, provate a tradurlo da soli/e 😉 )