PhotoGrid_1437414161631

Descrizione: cipria sottilissima, leggermente colorata
Quantità: 9 g
Dimensione: diametro 5,5 cm; altezza 3 cm
Dove si acquista: in Italia bareMinerals è venduta in esclusiva da Sephora, nei negozi fisici oppure online su http://www.sephora.it, ma si trova anche in giro su siti europei e su QVC
Prezzo: 26,50€
PAO: 12 mesi

Prima impressione: Una polvere impalpabile, che colora pochissimo e per questo può essere data su tutto il viso senza rischiare l’effetto Ganguro (anche detto vecchia sciùra anni Novanta). L’effetto è quello che si dice bonne mine, ovvero quel tocco leggerissimo di colore che serve per togliere l’effetto fantasmino e far sembrare sana una pelle molto chiara. Se non siete mozzarelle like us, però, lasciate ogni speranza: probabilmente su carnagioni normali non si vedrebbe una cippalippa. Ora che sono un po’ abbronzata, su di me (che d’inverno sono una light warm di Neve Cosmetics e un 117 della HD Foundation della Make Up Forever) una volta stesa si perde completamente.

Inci: ZEA MAYS (CORN) STARCH, CORN STARCH MODIFIED, ZINC STEARATE, MAGNESIUM STEARATE, IRON OXIDES (CI 77491, CI 77492, CI 77499)

Recensione d’uso: in realtà – mo confesso – io volevo comprare da un sacco di tempo la cipria Kalahari di Neve Cosmetics. Tutte ne parlano strabene, ché se sei una mozzarella non puoi farne a meno, e anche cheppalle di tutti quei bronzer della *inserire marca a caso di trucchi da supermercato*, formato gigante, pieni di sbrilluccichini e color cacao nella colorazione più chiara. Solo che io la volevo tocchicciare un po’ prima di comprarla e la bioprofumeria di fiducia di Bergamo (Thymiama Bergamo della bellissima Ladymija83) è un po’ lontana dalla casa in cui sto. Cioè è lontano per Bergamo – che comunque per Roma sarebbe due passi – però, ecco, Sephora è più vicino. Gira che ti rigira alla fine in uno dei miei pellegrinaggi post-ufficio in profumeria, forte di uno stipendio appena preso, memore dell’adorazione provata per la Mineral Veil Original (sì, sì, lo so, so’ tutte scuse) non ho potuto resistere. E allora ho speso sti 26€.

mineral veil

La colorazione, come dicevo, si vede solo con sulle mozzarelle like us. Ma bisogna anche dire che, per la natura stessa della cipria, questa colorazione può comunque andar bene anche per tutte le altre: voi che non avete la carnagione di Casper, potete tranquillamente prenderla al posto della Mineral Veil Original, che è incolore e serve solo a fissare il trucco e migliorarne la resa.

PhotoGrid_1437413960338

Come la Original, che adoro, questa cipria è sottilissima e per questo può essere usata su tutto il viso senza temere che vada nelle pieghette o risulti polverosa. Per la mia pelle mista basta a tenere un po’ a bada il lucido (non aspettatevi miracoli però, soprattutto se fuori fanno 40° e c’è il 900% di umidità).

Unico neo di questa impalpabilità e invisibilità è che se ne usa un bel mucchio ad ogni applicazione e quindi i 9g del pottino, che di primo acchito non sembrerebbero pochi, in realtà finiscono abbastanza in fretta. In questo senso il packaging non aiuta: i fori del sifter sono un po’ troppo grandi e anche lasciandone aperto solo uno si tende a versare nel tappo molta polvere.

Morale della favola: se il budget ve lo permette, io un pensierino su questa cipria ce lo farei. Occhio solo a provare prima i prodotti bareMinerals, che a quanto so per qualcuno talvolta possono risultare allergenici.

VOTO: 8